Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xv. 205

più vicini al palco eran uditi con segni di sdegno, ed inutilmente repressi con dei zitto lanciati or da un angolo or da un altro, e che invece di servir di freno, eran piuttosto di stimolo ai perturbatori.

Fra tanta gente intesa a darsi buon tempo, s’aggirava un uomo che, non ostante la sua povera apparenza ed il vestire dimesso, avea un viso ed un portamento che non permetteva di confonderlo colla rimanente turba, e nel suo aggirarsi irrequieto e sollecito mostrava che il fine che qui lo conduceva era tutt’altro che quello di divertirsi. Quest’uomo era Pietraccio, che venuto sin qui senza ostacolo per ammazzare il Valentino e per avvertire Fieramosca del pericolo di Ginevra, trovandosi ora in mezzo a tutta questa confusione, rimaneva perplesso, conoscendo con quanta difficoltà gli sarebbe venuto fatto di trovar le persone che cercava. Stupirà forse il lettore che un assassino condannato nel capo ardisse venire in città ed esporsi ad esser preso; e certo nel modo onde è composta in oggi la società sarebbe grave imprudenza. Ma gli uomini di quel tempo non avevano come noi leggi ed ufficiali di polizia tutti intesi a vegliare alla loro tranquillità, e Pietraccio, ora che la stretta, nella quale s’era messo ammazzando il podestà, era passata, poteva star sicuro in Barletta (tanto più essendo notte) come sarebbe stato in mezzo alle macchie fra suoi. Ma qualunque sia la difficoltà dell’impresa ch’egli tenta è troppo avvezzo a trarsi d’impaccio, e troppo bramoso di sfogare la sua vendetta, per non trovar modo di superare ogni ostacolo: lasciamone il pensiero a lui, e torniamo piuttosto ai principali attori della nostra storia.

Le due ore di notte non erano molte lontane, quando finito il teatro, ritornò la comitiva nella sala ove aveva pranzato, la quale cambiata ora negli addobbi era destinata al ballo, e tutta splendeva d’infiniti lumi di