Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 ettore fieramosca

grande ed alla daga pistolese sia rifatto il filo, e.... che volevo dirti?.... ah! L’arnese mio di Spagna è in punto? Il servo accennò di sì.

Sorridendo Inigo a questa furia disse:

— Non ti mancherà tempo a metterti in ordine, che la battaglia non sarà nè oggi nè domani.

A questo non pensava Fieramosca che si sentiva la febbre addosso, nè avrebbe voluto tardare a trovarsi alle mani; e poco badando a quanto dicea lo Spagnuolo, veniva rintracciando altri compagni, che cinque gli parea un numero scarso. E disse con gran voce:

— E dove lasciamo Romanello da Forlì? E sei. Lodovico Benavoli. Sette. Questi li conosci, Inigo: gli hai veduti a lavorare.

— Masuccio, Masuccio!

Ed il servo che era sceso risalì di volo.

— Il mio cavallo da battaglia, Airone, quello che m’ha donato il signor Prospero, abbia paglia ed orzo quanto ne vuole, e prima che entri il caldo lo farai trottare alla volta un’ora, e vedi come gli stiano i ferri.

Nel dare questi ordini si stava vestendo; il servo gli porse la cappa; e messasi l’arme accanto ed in testa un cappello con una penna azzurra, disse ad Inigo:

— Son teco. Prima d’ogni altra cosa si vuol ragionare col sig. Prospero, poi si farà motto a Consalvo pel salvocondotto.

Così avviatisi, per istrada seguiva nominando or l’uno or l’altro degli uomini d’arme che potessero fare al caso. Nè si soddisfaceva d’alcuno così alla prima: di tutti esaminava minutamente lo stato, le forze, il valore, la vita passata, onde non venissero a sì gran fatto se non uomini provati. Di Brancaleone romano teneva gran conto sopra ogni altro,