Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
64 ettore fieramosca


Il Valentino frattanto, volendo metter genti insieme per l’impresa di Romagna, fece capitale di Grajano d’Asti che oggimai si trovava presso a poter risalire a cavallo. Seppi come aveva attaccata questa pratica, ed alla prima furono d’accordo. Si fermò tra loro una condotta di venticinque lance, ed al marito di Ginevra parve avere bonissimi patti.

Una sera venne il duca alla casa di Grajano per istipulare l’accordo, e fu fatto un poco di cenetta, alla quale si trovarono certi prelati francesi ed alcune lance che stavano a spasso, ed intendevano appiccarsi con costui, che accettava ognuno in quel tempo.

Io parte pensavo offerire i miei servigi per seguire la fortuna di Ginevra con quella di Grajano; pure, non saprei dirti perchè, non mi mossi, nè mi trovai con loro quella sera. Andai, ch’era già fatto notte, vagando ne’ luoghi più deserti di Roma sempre martellandomi il cervello con mille sospetti, e non potevo liberarmi da certi pensieri, i più strani che avessi mai. Da molti giorni trovavo la Ginevra più sbattuta; e mi pareva tratto tratto di vederle balenar sulla fronte un non so che d’arcano, che studiasse tener celato nel cuore. Passai pure quella notte, Dio sa con che smania; senti se alle volte il cuore non parla.

L’indomani vado da lei sulle ventitrè. Quando son presso all’uscio, odo in casa un bisbiglio insolito; usciva un frate d’Araceli col Bambino1 ed un torchietto davanti. Salto in casa (sudavo freddo!) e la fante mi dice: — Madonna sta in termine di morte.

La sera innanzi, dopo cena, era stata colta da uno sfinimento, ma non pareva male d’importanza. Posta a letto e confortata con panni caldi, si quietò, e così rimase sino alla mattina. Il sole era già alto e non si

  1. Il bambino d’Araceli, creduto miracoloso, si porta ai moribondi.