Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 ettore fieramosca

sapeva esporre con evidenza grandissima cose che in gran parte eran pur vere. Ma lo Spagnuolo lo conosceva, e durava fatica a fidarsi di lui.

Prese partito di non dar per allora una risposta precisa, e disse voler conferire coi suoi più intimi prima di prendere una risoluzione. Non lasciò mancare al Valentino nè buone parole, nè uffici cortesi; lo condusse in certe camere terrene che davan sul mare, facendonelo padrone pel tempo che gli sarebbe piaciuto passare in Barletta; e da alcuni suoi servitori più fidati lo fece servire con quell’onore che si doveva al figlio d’un papa.

Verso sera Fieramosca e Brancaleone giunsero alla porta della città. Appena messi dentro, cominciò a formarsi intorno a loro una folla d’officiali, d’uomini d’arme, di soldati, che s’ingrossava di quanti incontravano per strada, e tutti volevano esser primi a sapere la risposta de’ Francesi. Com’è andata? che cosa hanno risposto? chi combatterà? quando? dove?.... Ma i due amici dicevan, ridendo a questa furia: venite alla rôcca e lo saprete. Giunsero alla rôcca, ed introdotti a Consalvo, Fieramosca gli consegnò la lettera del duca di Nemours, che quegli lesse ad alta voce, e diceva accettarsi la sfida, ma negarsi d’accordar campo franco. Questo rifiuto parve strano a tutti, ed il gran Capitano disse:

— Non mi sarei aspettato che i Francesi cercassero sotterfugi per ischivar la battaglia. Ma il campo franco l’avrete: io ve l’assicuro.

Poi chiamato un suo scrivano gli disse: — Scriverai al duca di Nemours, stia di buona voglia, chè l’ostacolo è tolto; che gli offerisco una tregua sin dopo il combattimento; ed in fine, che fra due giorni aspetto mia figlia D. Elvira, alla quale intendo far un po’ di festa; se egli vuole, mentre si posan l’armi, venire a goderla con noi, sarà cagione di renderla più lieta.