Pagina:Dalle dita al calcolatore.djvu/235

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14. la meccanizzazione della contabilità 213

re le tavole delle efemeridi (tavole delle posizioni dei vari corpi celesti alle varie ore, nelle diverse date e alle varie latitudini); non riesce però ad andare oltre la costruzione di un modellino del suo “calcolatore a vapore”.

Nel 1887 l’ingegnere francese Bollée inventa il metodo per eseguire meccanicamente le moltiplicazioni senza ricorrere al metodo delle addizioni ripetute.

Basandosi su questa idea, lo svizzero Otto Steiger progetta e produce il Millionnaire, una macchina “portatile” lunga “solo” ottanta centimetri, larga trenta e profonda venti, del peso di alcune decine di chilogrammi, progettata per essere chiusa in una cassa apposita e risultare “facilmente” trasportabile. Questa macchina ebbe un largo successo commerciale: ne vennero venduti 4.600 esemplari.


14. La meccanizzazione della contabilità

Alla fine del secolo, per il censimento del 1890 negli USA, un certo ingegner Hollerith vinse un concorso indetto dal governo per la messa a punto di una serie di macchine atte a meccanizzare le varie fasi del censimento stesso. Questa decisione era stata presa perché i dati del precedente censimento, quello del 1880, avevano richiesto un lavoro settennale per essere elaborati manualmente, e nel frattempo si stimava che la popolazione fosse cresciuta in misura notevole.

Meccanismo ad aghi.