Pagina:Dalle dita al calcolatore.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
3. l'origine della scrittura 33

“astro”, ma “cielo”, “dio”; “sole” vale anche “giorno”, “luminoso”, “benevolo”, “sereno” (5b).

2ª fase: IDEOGRAMMA (dal 2500 a.C. circa). La notevole espansione economica ha come conseguenza un accresciuto ricorso alla scrittura. Si adottano tavole di maggiori dimensioni e nel contempo ci si preoccupa di realizzare forme di scrittura più rapida. Già il pittogramma, col passare del tempo, aveva assunto un tracciato sempre più stilizzato, fino all’attenuazione o alla sostituzione delle linee tondeggianti con tratti diritti. Intorno al 2800 a.C. gli ideogrammi si sono ridotti a 600. L’adozione di tavolette più grandi e più pesanti comporta un cambiamento nella direzione della scrittura.

Evoluzione della scrittura dei Sumeri:
a) pittogrammi (3° millennio a.C.);
b) rotazione delle figure;
c) segni cuneiformi fra il 2350 e il 2000 a.C.;
d) scrittura cuneiforme assira (1° millennio a.C.).