Pagina:Dalle dita al calcolatore.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 ii. mesopotamia: l’argilla come memoria

pacità mnemonica, dato che già prima del 3000 a.C. la scrittura è formata da oltre 2000 segni diversi.

L’immagine dell’occhio, oltre a rappresentare l’organo in quanto tale, significa “guardare”; due tratti ondulati rappresentano l’acqua. Un primo livello di astrazione viene raggiunto associando le due figure per significare “piangere”. La raffigurazione del sesso indica l’uomo o la donna; ma l’associazione del “pube femminile” con “montagne” sta a significare “serva” o “schiava”, e ciò si spiega col fatto che essi se ne procurano presso le genti delle montagne. Ci sono tuttavia immagini dal significato plurimo: non solo

Tavoletta sumerica arcaica.