Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 daniele cortis


Don Bortolo, riscaldato da parecchie tazzette, come le chiamava, continuò a declamare una satira anonima, la descrizione di un battibecco fra certi consiglieri comunali intorno a un sindaco che dava ragione a tutti.

El sindaco tasea col collo storto.
E po infin l’à concluso: a no ghì torto.

Scoppiarono risate in tutti i tôni.

«Bella, bellissima, arcibellissima» esclamò indispettito il dottor Grigiolo, «ma, caro cappellano benedetto, non vedo poi la necessità di rompere i timpani al prossimo. Capisce bene, di là ci sono tante signore e proprio la contessa pregherebbe...

«Le femmine?» rispose don Bortolo. «Perchè non ne sanno fare del chiasso, le femmine!

«Zitto, zitto, andiamo, state quieto, cappellano» dissero i colleghi.

«Bravi, mi raccomando anche per il conte Lao, che sta poco bene.

Il dottor Grigiolo guardò il più vecchio di que sacerdoti, l’arciprete, con una faccia tra seria e compunta.

«Venga qua» esclamò l’incorreggibile don Bortolo «venga qua, dottore, non stia a combattere colle femmine e beva una tazzetta con noi. Cosa mi conta del conte Lao? Non la capisce che la sua camera è dall’altra parte? Non la sa che il conte Lao sta meglio di lei e di me? Non la sa che è matto?»

«Fate tacere a don Bartolo!» gridò il senatore dalla sala.

«Oh, hanno capito?» sussurrò il dottor Grigiolo