Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/144

Da Wikisource.
134 daniele cortis

fra i silenzi deserti. Elena non aveva quel suo solito sguardo pieno di tristezza occulta: era tanto felice di amarlo! Ora se la sentiva fra le braccia ridente e tremante come quelle acque pure, ora la cercava nel bosco, ed ella gli saltava incontro, gli posava il capo sul petto, gli diceva sottovoce: Sei felice? Io tanto.

Cortis si buttò nell’altro angolo del calesse, a guardar l’orizzonte lontano dov’ella era scomparsa.