Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/248

Da Wikisource.
238 daniele cortis

suo cognato, i quali mi hanno dato senza difficoltà qualcheduno che vale veramente molto più di loro e anche più di me, se volete, e poi han difeso pochi quattrini con le unghie e con i denti, me li hanno negati nel momento opportuno, si sono fatti giuoco di me, hanno persuaso quella persona a mentire la prima volta, credo, in vita sua, e adesso che hanno paura per il loro nome, per la loro reputazione di gente onesta e generosa, adesso vengono ad offrirmeli.

«Ma che offrire!» disse Cortis.

«E adesso» continuò l’altro senza badargli, «adesso io dico: no!

Cortis fece un atto di stanchezza e di tedio, poi rispose quasi sottovoce:

«È inutile. Nessuno di casa Carrè vi offre niente.

Il barone si strinse nelle spalle.

«Eh, santo Dio!» diss’egli. «Chi volete...!

«Non andate a cercare. Qualcuno che io non nominerò mai, qualcuno che non vi è nè parente, nè amico.

Cortis parlava a mezza voce, stanco, chiudendo gli occhi ad ogni tratto e sfiorandosi con una mano la fronte.

«E perchè?» disse il barone. «Questa persona, perchè vuol pagare i miei debiti?

«Il perchè non è affar vostro. Ma c’è una condizione. La Presidenza del Senato vi ha già fatto invitare un’altra volta a rassegnare le vostre dimissioni, in un dato caso, da senatore del Regno. La condizione è questa.

Il barone tacque un momento.

«Ah» diss’egli con un sorriso sarcastico, «pretendereste avere un incarico del Governo?