Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242 daniele cortis


«Sai» diss’ella sottovoce, senza un gesto «che egli era amico di tuo padre?

«Chi?

«Di Santa Giulia.

«So che ce l’avevano raccomandato quando era tenente di cavalleria e che veniva poco in casa nostra.

«Sì, ma ci vedevamo spesso fuori. E sai il paese? gli anni? Ad Alessandria, fra il 53 e il 55.

Cortis piegò il viso, si recò la mano alla fronte, come se pensasse a raccogliere i propri pensieri. La tolse subito, ne appuntò l’indice a sua madre, inarcando le ciglia.

«Sì» diss’ella «il tempo della mia sventura.

Tacque; i loro occhi s’incontrarono, si parlarono. Un subito tremito invase Cortis, una subita angoscia gli corse al viso. Si protese, sbarrati gli occhi, a sua madre.

«Lui?» chiese con voce soffocata.

Ella ansava, ansava, lo guardava sempre e non rispondeva.

A un tratto il viso di Cortis diventò freddo.

«È il secondo che accusate» diss’egli, buttando in aria un braccio e la mano spiegata.

«L’altro era morto» rispose sua madre. «Speravo di salvarmi. E poi ho le prove.

«Che prove?

«Ho un biglietto che mi scrisse quando, cacciata di casa, andai a cercarlo a Valenza, dov’era in distaccamento.

Ella parlava ora impetuosa, con tutt’altro accento dal solito, sentendosi a fronte uno scetticismo che sapeva di meritare spesso ma non questa volta. N’era