Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/51

Da Wikisource.

le idee di daniele cortis 41

così è inutile che la centrale si disturbi per un pensatore libero dai vostri dogmi e dai vostri dèi. Ha scritto?

«Sì.

«A capo. Debbo pur dirvelo. Entrando nella Camera italiana io non sognerò come tanti di voi, o chimerici amici, di trovarmi nella House of Commons...»

«Cosa diavolo?» interruppe Grigiolo.

«Nella House of Commons, nella Camera dei Comuni... di trovarmi nella House of Commons a sedere sopra uno scanno di sei secoli. Non credo che la religione costituzionale inglese ci convenga, non credo ai benefizi del vostro dispotismo parlamentare, qualunque sia il colore della maggioranza. La rapida metamorfosi che fu imposta al paese si può molto bene giustificare con Ovidio; ma sarebbe un còmpito più duro di giustificarla con la esperienza e con la teoria. Se Iddio e i futuri conti di Moriana...

«Euh!» esclamò Grigiolo tralasciando di scrivere. «Proprio?

«Non so niente. Scriva. Se Iddio e i futuri conti di Moriana perdoneranno all’on. Sella di non aver composto il Ministero, o ad altri di averglielo impedito, sarà forse perchè...

«Perchè» ripetè Grigiolo aspettando con la penna in aria.

«Santo Dio, non lo so» rispose Cortis. «Metta così... perchè forse dagli anditi parlamentari, dalle sale della reggia non si udì la voce che chiamava un uomo di cuore a rialzare in nome della patria la autorità reale, a raccogliere la nazione intorno al Palatino.

«Al Quirinale, la vuol dire?

«Sì, ha ragione, al Quirinale. Cosa vuole? Non