Pagina:Danzi - Poesie scelte in dialetto potentino.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 45 —


Pacïenza, pacïenza,
     Desse lu monaco a la vagnarda
     Doppe fatta la mustarda
     Ca de fumé era piglià. 1

Si parlamme avemme tuorte;
     So fannonie li ragioni
     Quanne se sà ca li patroni
     Sempe prima hanne da magnà.
     
Pò se ne vene la camorra
     De li servi e cammarieri,
     Li criati, e li cucchieri
     Li famigli e li lacchè.

Me descire: ma so tant’anne
     Ca se’ rrèmena sta nsalata,
     Quanne lu verme de la Ncurnata
     Li fernisce de fa affuà?
     
A chi è fàveze pò digg’io
     Che, crerire ca so nosce!
     So li boni ca figne a osce
     Nun ne fanne gi a urbeà.

Ma si magnano li patrone
     Pure pe noi hanne da pensare,
     Che, ve fùsceve scurdare
     Li piatte ca n’hanne mannà?
     
Ne mannarene li ricchezze
     Mobili e smobile ncrusciare,
     Lu cuntarore, lu mascenare;
     Che ne fanne desirerà?

Li nemici ne descienne:
     — Mo se dieva lu mascenare. —
     Cu lu fatte s’è duvare
     D’osse ne resta a mascenà.


(1) Aggio truvà stu chiantalere: ho trovato un così profondo stato di miseria e di depressione.

(2) tallirà: il boccone saporito.

(3) Figne a tante ecc.: fino a che non ci abitueremo a star digiuni, chè allora andremo a sternegghiarci al camposanto (zi Rocche ne era il custode).

  1. la mustarda ecc...: quando si accorse che... la pietanza non era riuscita come era suo desiderio.