Pagina:Danzi - Poesie scelte in dialetto potentino.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 44 —


perchè lo chiami Luigi Pagliarotta, che è un nomignolo comune fra i contadini di Potenza.

(5) dova: doga.

(6) appapagnare: presi dalla «papagna» (papavero) cioè dormienti.

(7) toctabballa: gioco di ragazzi che si fa con le bacche di una pianta.

(8) vagnenciedde: giovanotto.

(9) nzalanuro: scimunito.

(10) masto Costantine: allude alla donazione dell’Imperatore Costantino alla Chiesa.

(11) li mosche mmuola: le mosche a volo.

(12) me farrìa la cannavola: mi farebbe gola.

(13) criàto: servo.

(14) bértele: bisacce.

(15) scagniedde: piccolo scanno; passare, (in senso attivo). dalla seggia a lu scagno vale destituire, punire.

(16) la tigna: i capelli.

(17) scurare: disgraziato.

(18) papocchia: fandonia.

(19) Jedde: cioè San Giovanni.

(20) iumara: fiumana.


XI.


Lu chiù pizze fredd' è lu fuulare 1879


Spolpatelle, Mengenza mia,
     Aggio truvà stu chiantalere! 1
     Senza fumo a li ciminiere
     Doppe dece anne ca so turnà.

Statt’allegra, nun chiangemme
     Nun fascemme li criature
     Mo ne magnamme li scorze dure
     Appresse avemme lu tallirà. 2

Ancuora è niente, è giuove de rose
     Figne a tante ca n’avvezzamme
     A sta deggiune, e pò ne giamme
     Addù zi Rrocch’a sternegghià. 3