Pagina:De Amicis - Marocco.djvu/362

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 fez


ciolanti del giardino, pensando a un povero corriere che forse in quei momenti passava a nuoto, a rischio della vita, il Sebù ingrossato, stringendo fra i denti una borsa di cuoio con dentro una lettera di mia madre.