Pagina:De Amicis - Marocco.djvu/458

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
448 mechinez


buccie di limone e maledizioni e legnate; e piovevano ancora ch'eravamo vicini alla porta; e quando già scendevamo verso l'accampamento, ci gridavano ancora alle spalle dall'alto delle mura: — Maledetto il padre tuo! — Sia sterminata la vostra razza! — Dio faccia arrostire i vostri bisnonni! —

Così ci ricevette la città di Mechinez, e fortunati noi ch'era la città più ospitale dell'Impero!


La mattina seguente fu portata all'accampamento una lettiga per il medico, fatta in ventiquattr'ore dai più abili falegnami di Mechinez, i quali ci avrebbero senza dubbio impiegato più di ventiquattro giorni, se non li avesse sollecitati il Governatore con una certa intimazione, a cui sarebbe stato un po' rischioso di fare il sordo. Era una macchina pesante e mal adatta, che somigliava più a una gabbia per trasportar bestie feroci, che a una lettiga per un malato; assai meglio fatta, nondimeno, di quello che tutti noi prevedessimo; e gli operai che vi diedero sotto i nostri occhi le ultime martellate, n'erano così alteri e si sentivano tanto sicuri della nostra ammirazione, che lavorando, tremavano dall'emozione, e ad ogni nostra parola, mandavan lampi dagli occhi. Quando il Morteo mise nelle loro mani i de-