Pagina:De Amicis - Marocco.djvu/477

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sul sebù 467


s’avanzò contro il Biseo per augurargli che fosse arrostito non so quale suo parente. Il Biseo alzò la matita: i due primi, dando indietro atterriti, urtarono gli altri; e mezzo l’esercito andò in terra a gambe levate. Persino il Governatore diede in uno scoppio di risa.