Pagina:De Amicis - Marocco.djvu/489

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

arzilla 479


Il soldato moro accorse.

— Giù una trombonata! — gli gridò il cuoco fremente.

— Un momento; — io dissi; — prima d’ammazzar loro, vediamo se vogliono veramente ammazzar noi.

Li guardai attentamente; s’avanzavano di trotto; eran dieci, parte vestiti di color oscuro, parte di bianco; mi parve che nessuno avesse il fucile; il capo era un vecchio colla barba bianca; mi rassicurai.

— Formiamo il quadrato! — gridò il cuoco.

— Non c’è bisogno — risposi. Il vecchio della barba bianca s’era scoperto il capo e si dirigeva verso di me colla berretta in mano.

Era un Israelita.

A dieci passi, si fermò col suo seguito, ch’era composto di altri quattro Israeliti e di cinque servi arabi, e fece cenno di volermi parlare.

Hable Usted, risposi.

— Sono il tale dei tali, — disse in spagnuolo, con una voce dolce inchinandosi in atteggiamento di profondo rispetto; — agente consolare d’Italia e di tutti gli altri stati d’Europa nella città d’Arzilla. Ho l’onore di essere al cospetto di sua eccellenza l’Ambasciatore d’Italia, reduce da Fez, partito questa mattina da Laracce e diretto a Tangeri?

Caddi dalle nuvole.