Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 ricordi di parigi.


tutte le sue creazioni: esse lasciano l’impressione d’un’enorme epopea di frammenti, che risale da Caino a Napoleone il grande, e una memoria confusa di amori divini, di lotte titaniche, di miserie inaudite, di morti orrende, viste come a traverso a una bruma paurosa, rotta qua e là da torrenti di luce, in cui formicola una miriade di personaggi metà creature reali e metà fantasmi, che sconvolgono l’immaginazione. Tutte le opere sue son come colorate dal riflesso d’una vita arcana ch’egli abbia vissuta, altre volte, in un mondo arcano, al quale par che alluda vagamente ad ogni pagina, e alle cui porte s’affaccia continuamente, impaziente dei confini che gli sono as­segnati sulla terra. Una fantasmagoria immensa di cose ignote all’umanità par che lo tormenti di continuo, come una visione febbrile. Tutto quello che v’è di più strano e di più oscuro sul limite che separa il mondo reale dal mondo dei sogni, egli lo cerca, lo studia e lo fa suo. I re favolosi dell’Asia, le superstizioni di tutti i secoli,