Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/227

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224 ricordi di parigi.


composti d’una quantità enorme di particolari, che vi sfuggono in gran parte dopo la lettura, come i mille quadretti senza soggetto d’un museo olandese. Perciò si rileggono con piacere. Vi si aspetta di pagina in pagina un grosso fatto, che ci fugge davanti, e non si raggiunge mai. Non vi accade mai un urto forte di affetti, d’inte­ressi, di persone, che tenga l’animo sospeso, e da cui tutto il romanzo dipenda. Non ci sono punti alti, da cui si domini con uno sguardo un grande spazio; è una continua pianura in cui si cammina a capo chino, deviando ogni momento e arrestandosi ad ogni passo ad osservare la pie­tra, l’insetto, l’orma, il filo d’erba. I suoi perso­naggi non agiscono quasi. La maggior parte non sono necessarii a quella qualsiasi azione che si svolge nel romanzo. Non son personaggi che re­citino la commedia; son gente intesa alle proprie faccende, colta colla fotografia istantanea, senza che se n’accorga. Nel romanzo c’è qualche mese o qualche anno della vita di ciascuno. Li vedete