Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
228 ricordi di parigi.


-nello, in cui ogni parola ha colore e sapore, e ogni inciso fa punta, e in ogni periodo c’è, per così dire, tutto lo scrittore. È raro che ci si provi una emozione fortissima e improvvisa. È forse cinica nei suoi romanzi la scena desolante e su­blime del Monsieur, écoutez donc, di Gervaise, quando s’offre a chi passa, moribonda di fame, e quando si sfama, piangendo, sotto gli occhi di Goujet. Quasi sempre, leggendo, si prova un se­guito di sensazioni acri di piacere, di piccole scosse e di sorprese che lasciano l’animo incerto; qui una risata, là un brivido di ribrezzo, un po’ d’impazienza, una meraviglia grande per una descrizione prodigiosamente viva, una stretta al cuore per una piaga umana spietatamente denu­data, e un leggiero stupore continuo dalla prima all’ultima pagina, come allo svolgersi d’una serie di vedute d’un paese nuovo. Son romanzi che si fiutano, che si assaporano a centellini, come bic­chieri di liquore, e che lasciano l’alito forte e il palato insensibile ai dolciumi. A ciò contribuisce