Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/235

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
232 ricordi di parigi.


ventù di scrittore, ed è possibile che si trasformi crescendo di statura. È vero che la strada per cui s’è messo è così profondamente incassata e incli­nata, che non si capisce come ne possa uscire. Ma è certo che ci si proverà, e se non riuscirà nel suo intento, noi assisteremo almeno a uno di quegli sforzi potenti, e avremo da lui uno di quei «capolavori sbagliati» che non destano minor meraviglia dei grandi trionfi.


II.



La sua storia letteraria è una delle più curiose di questi tempi. I suoi primi lavori furono i Contes à Ninon, scritti a ventidue anni e pubblicati molto tempo dopo. Li c’è ancora lo Zola imberbe, con una lagrima negli occhi e un sor­riso sulle labbra, appena turbato da una leggera