Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 ricordi di parigi.


di San Pietro, fiancheggiata da due torri che arieggiano il campanile, il minareto ed il faro; con quella pancia odiosa e quelle due grandi ali graziosissime, colle sue cento colonnine greche, coi suoi padiglioni moreschi, coi suoi archi bizantini; colorito e decorato come una reggia in­diana, da cui precipita un torrente d’acqua in mezzo a una corona di statue dorate: — un arco d’anfiteatro immenso che corona l’orizzonte e schiaccia intorno a sè tutte le altezze. Dalla parte opposta, a una grande distanza, rappresentatevi quell’altro smisurato edificio di vetro e di ferro, dipinto, stemmato, dorato, imbandierato, scintil­lante, coi suoi tre grandi padiglioni trasparenti, colle sue statue colossali, colle sue sessanta porte, maestoso come un tempio e leggiero come una sola immensa tenda d’un popolo vagabondo. Fra questi due enormi edifizi teatrali, raffiguratevi quel gran fiume e quel gran ponte; e a destra e a sinistra del fiume, un labirinto indescrivibile d’orti e di giardini, di roccie e di laghi, di salite,