Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 ricordi di parigi.


di nero e di bianco in un monumentale bouillon Duval che pare un tempio delle Indie. Se avete un debole per la Russia, potete andare alla trattoria russa dove da manine polacche, moscovite, armene, caucasee v’è servito il vero kumysy venuto dalle steppe dell’Ural, o l’acqua igienica della Neva, o la colebiaka d’erbaggi e di pesce, o qualche altro pasticcio russo-turco con­dito con vin di Cipro. Per dolci la Francia vi offre il palazzo di Fontainebleau e delle cattedrali gotiche di zucchero, e dei mazzi gustosis­simi di rose e di violette, che sembran colte un’ora prima. Dopo il desinare, ricevete il caffè gratis dalla repubblica del Guatemala, se pure non preferite quello scelto e tritato dalle negre di Venezuela. E poi, per rincette, potete sorseggiare un bitter di nuova invenzione che vi porge una svizzera in costume di Berna all’ombra d’un chioschetto signorile; o andare nel chiosco olandese, dove tre belle frisone rosee, col casco dorato, vi fanno sentire il curasò o lo scidam; o arrischiarvi