Pagina:De Amicis - Spagna, Barbera, Firenze, 1873.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

barcellona. 23

della nostra rivoluzione roba da cani in buonissima fede, essendo la maggior parte convinti, che il vero re d’Italia sia il Papa, che l’Italia lo voglia, e che abbia chinato il capo sotto la spada di Vittorio Emanuele, perchè non c’era modo di far altrimenti; ma che aspetti l’occasione propizia per liberarsene, come ha fatto dei Borboni e degli altri. E può giovare a provarlo il seguente aneddoto che io riferisco, come l’ho sentito narrare, senza neanco un’ombra d’intenzione di ferire la persona che n’è attore principale. Una volta un giovane italiano, che io conosco intimamente, fu presentato a una delle più ragguardevoli signore della città, e ricevuto con una squisita cortesia. Erano presenti alla conversazione parecchi italiani. La signora parlò con molta simpatia dell’Italia, ringraziò il giovane dell’entusiasmo che mostrava d’avere per la Spagna, mantenne, in una parola, una viva e gioviale conversazione coll’ospite riconoscente per quasi tutta la serata. A un tratto gli domandò: “E tornando in Italia, in che città s’andrà a stabilire?”

“A Roma,” rispose il giovane.

“Per difendere il Papa?” domandò la signora con la più schietta franchezza.

Il giovane la guardò, e rispose sorridendo ingenuamente: “No, davvero.”

Quel no scatenò una tempesta. La signora scordò che il giovane era italiano, e suo ospite, e proruppe in una tale sfuriata d’invettive contro il Re Vittorio, il governo piemontese, l’Italia, risalendo dall’en-