Pagina:De Marchi - Demetrio Pianelli, 1915.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

III.


Demetrio, appena il vecchio matto se ne fu andato, si volse tutto mortificato verso il cavalier Balzalotti e, con voce tremante un po’ per dispetto e un po’ per soggezione, balbettò qualche scusa.

— È troppo buono, Pianelli, glielo dico sempre: e sa che cosa significa a Milano essere troppo buono?

Così prese a dire il cavalier Balzalotti, che a quella scena s’era divertito mezzo mondo e che non era troppo in vena di lavorare quella mattina.

— È troppo ingenuo lei, troppo poco pratico del mondo. Non tocca a me dare dei pareri, perchè il proverbio dice: metà pareri e metà denari; ma se mi avesse dimandato in principio, gli avrei detto: Se ne lavi le mani. Che diavolo! non conosceva anche prima come stavano le cose?

— Sa, ci si trova implicati.... Una povera famiglia....