Pagina:De Marchi - Demetrio Pianelli, 1915.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 77 —

che non era nelle mie intenzioni di commettere. Spero che non si farà processo ad un morto e si vorrà almeno salvare l’onore de’ miei figli.

In quanto ai danni ho incaricato mio fratello Demetrio di regolare la partita collo stesso signor ragionier Martini.

Con osservanza

Cesare Pianelli».


Prese quindi un altro foglio e scrisse in alto:


«A mio fratello Demetrio».

E più sotto:

«Prego mio fratello a voler regolare col signor ragionier Martini un conto di lire 1000 (mille), di cui mi dichiaro suo debitore, e nello stesso tempo di voler provvedere perchè siano protetti i diritti dei miei figliuoli, tanto per riguardo alla mia pensione, quanto per la intera esazione della dote di mia moglie, di cui è qui allegata una promessa scritta di mio suocero, il signor Isidoro Chiesa di Melegnano. Si procuri che i miei figli non sappiano mai come morì il padre loro».

E senz’altro firmò, suggellò le lettere, scris-