Pagina:De Mauri, L'amatore di oggetti d'arte e di curiosità.djvu/983

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

elenco degli artisti 967

elenco degli artisti 967

BAROOU (1782), specializzava in animali «con verità e precisione di lavoro»

BABONOT o BABOUOT, fioriva intorno all’anno IX ed è autore di molti piccoli ritratti in avorio ed in cera di personaggi famosi.

BRUNET, abitava a Parigi, faubourg du Tempie, nel 1800. Esponeva al «Salon>> dell’anno IX un busto del primo Console, ed un modello di pendola rappresentante il Ritorno di Marte presso Venere.

CADET DE BEAUPRÉ, allievo di Clodion, operava egregiamente in cera nella maniera del maestro.

CASONE Antonio di Ancona sul principio del Sec. XVII, ottimo disegnatore, modellava in cera, capricci, fontane, prospettive, ecc. Eseguì a Roma importanti bassorilievi in cera policroma: ed a lui si attribuisce la Leda della Collezione del Barone Carlo Davillier.

CHEVALIER, scultore in avorio Francese (1690), lasciò ottimi lavori in cera.

CLODION (Michel Claude, detto) n. a Nancy il 20 dicembre 1728, m. a Parigi nel 1814. Di questo celebre autore che in stile purissimo ci lasciò tante meravigliose opere in terra-cotta non solo, ma anche in marmo, non è qui il caso di dilungarci a discorrere. Ricorderemo solamente che plasmò pure in cera opere egregie.

COURIONER operava al tempo di Iuigi XVI piccoli ritratti in cera policroma, alla maniera Italiana del XVI secolo. /. Gabriel Ficsinger ha riprodotto in incisione un ritratto in cera di «Louis-Philippe-Joseph «dal Courigner eseguito nel 1789.


DANFRIE Philippe I.,n. intorno al 1534, Francese, incisore in metalli e di monete a Parigi, aveva laboratorio nel «faubourg St. Antoine», ed ottenne da re Eurico III ed Enrico IV la carica di «tailleur géné-al des monnaies de France». Nelle lettere patenti accordategli in data 5 marzo 1606 è elogiato per le sue «belles inventions en cirgraphie».

DANFRIE Philippe II, intorno al 1572, m. al Louvre nel 1604, figlio ed allievo del precedente, sin dal 1595 «.controllore generale dei ponzoni e delle effigie del Re per la moneta» sotto il nome di «Danfrie le jeuie», mori al Louvre nel 15o4. Gli scrittori del suo tempo ne compiono gli elogi per tutti i suoi lavori e specialmente per quelli in cera. A lui ed al suo padre si sogliono attribuire, in Francia, certi piccoli ritratti in questo genere, di ottima esecuzione che riproducono personaggi in costume di quest’epoca. Il museo di Cluny ne possiede una serie di personaggi reali: Luigi XII, Francesco I, Anna di Bretagna regina di Francia, Carlo l’imperatore, Caterina De Medici, Carlo IX, Enrico III, Clément Marot, poeta ecc. Essi sono chiusi in iscatole di cuoio con fregi a piccoli ferri.

DRENTUET Abraham, viveva ed operava nel sec. XVI.