Pagina:De Roberto - Gli amori.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Se noi distingueremo l’amor sensuale dall’amor morale, potremo forse dire che la bellezza fisica accenderà il primo e che le qualità morali susciteranno il secondo. Ma se ciò sta bene astrattamente, la distinzione non è così facile in pratica. Imaginiamo un caso. C’è un uomo brutto, ma quest’uomo possiede — e la gente sa che possiede — un grande ingegno, una squisita sensibilità, le migliori disposizioni del cuore e della mente. La sua bruttezza gli nocerà, dinanzi alle donne, più che non gli gioveranno queste magnifiche disposizioni, oppure quest’ultime faranno dimenticare la prima? Ella m’ha detto che la cosa dipende «dall’indole diversa delle diverse donne,» e va bene; perchè, evidentemente, una donna superiore, che nell’amore cerca l’appagamento di cordiali e ideali bisogni, apprezzerà le virtù e passerà sopra alla bruttezza; ma su cento donne prese a caso in mezzo alla folla, quante provano a un tal grado questi bisogni? Reciprocamente, se c’è un Adone inanimato come la statua del bellissimo dio, le sue probabilità di riuscita non saranno maggiori, paragonate a quelle del brutto grand’uomo?

«Sois beau!» dice l’amabile autore dei Consigli ad un giovane che si dedica all’amore. «Sinon, n’aime pas. Sans beauté l’on peut être choisi; il arrive aux plus jolies de préférer les plus laids; c’est une histoire souvent renouvelée que celle de la femme de Joconde. Toi cependant, mon élève, docile aux bons conseils, qui te fais enfin de l’amour l’idée qu’il convient d’en avoir, défends toi d’aimer si tu n’as pas reçu les dons qui charment les yeux...» — «Un’altra citazione?...» l’odo esclamare di qui; «e avete il coraggio di citarmi proprio quel gran moralista che si chiama Catulle Mendes?...» Non vada in collera, contessa: io lascerò lì subito l’autore di Zo’ har, e le narrerò invece un altro fatterello: va bene così? Le narrerò un fatterello che dimostra appunto quanto sia grande e superiore a quello esercitato dalla eccellenza morale, l’impero della plastica e corporea bellezza.

Ella conosce la storia del mio povero amico Raeli. Nella breve esperienza di questo infelice vi furono