Pagina:De Roberto - Gli amori.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nessun maggior dolore... 279


l'imaginazione distende nei cieli dell’anima questi miraggi, e quando tu ti guardi intorno vedi tutto povero e arido come in un deserto; ma se spingi dinanzi a te lo sguardo o se ti volgi indietro, nell’avvenire o nel passato, come costoro, tu vedi solamente spettacoli degni. Diffida dunque delle speranze troppo grandi, guardati dalle memorie troppo abbellite; e, nell’amore come in tutta la vita, non esagerare.

Fine