Pagina:De Roberto - Gli amori.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 gli amori

capitano; ma forse nulla sarebbe accaduto fra loro, se qualcuno non l’avesse particolarmente complimentata per essere riuscita a sedurre quell’uomo, il cui gusto doveva essere molto difficile, giacchè nessuno gli conosceva ancora un’amante. Ciò le provi, mia cara amica, come nell’amore entri quasi sempre, per non dire proprio sempre, una buona dose di vanità. L’idea d’essere apprezzata dal capitano, così sdegnoso di bellezze se non maggiori — la vanità poteva farle riconoscere d’essere meno bella delle altre? — certamente diverse, quest’idea lusinghiera la dispose a dimostrargli in cambio un interesse e un’attenzione che altrimenti non avrebbe forse accordati.

Di questa sua e mia amica nessuno ha mai potuto dir nulla di male. I soliti maligni e le non meno solite maligne si sono provate a sospettarla, ma il motto famoso è stato questa volta fallace: hanno calunniato, hanno calunniato, e niente n’è rimasto. Alla serietà di quella dama la serietà del capitano doveva pertanto necessariamente piacere. Se non gli si conoscevano amanti, ciò voleva dire che, rifuggendo dagl’indegni legami, dai capricci fugaci, egli serbava il suo cuore a una forte, a una grande, a un’immortale passione. Era tanto più naturale che costei spiegasse in tal modo l’austerità della vita del militare, quanto che ella stessa era austera per la stessa ragione. Dica pure, cara contessa, che sono troppo scettico; ma io credo che, come nell’amore entra una dose stragrande di amor proprio, così l’astensione dall’amore il più delle volte non è suggerita tanto dalla virtù quanto da una vanità estrema: chi non ama è colui che non crede nessuno degno dell’amor suo. Ora, se quella dama pensava che il capitano era passato indifferente nella vita per l’anticipata certezza di non poter trovare chi fosse capace d’intenderlo, ella già prevede che cosa doveva accadere dopo il loro incontro: la dama dovè credere d’essere per lui — e d’aver trovato in lui! — l’anima sorella e l’essere predestinato.

Così avvenne realmente. Il capitano espresse il suo sentimento alla dama, e trovò parole così rispettose,