Pagina:De Roberto - Gli amori.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


brama; ma anche perchè l’inutile implorazione lede il loro amor proprio e quasi la loro stessa dignità. Quest’idea di doversi umiliare supplicando è talmente incresciosa, che può persino impedire d’amare.

Si rammenta ella di quel sognatore, del quale narrai altra volta la storia, famoso per aver fatto reiteratamente e per motivi molto speciosi, il gran rifiuto? A proposito di costui, ricevetti un giorno una lettera di un anonimo lettore il quale, per dimostrarmi che le gesta tutte passive del mio protagonista non sono poi tanto rare, mi narrava che anch’egli aveva più d’una volta, sotto l’impero di certe sue ragioni, omesso d’amare. Questa lettera voglio oggi riferirle perchè fa al caso nostro.

Mi confessava dunque l’anonimo mio corrispondente che spesso, sul punto d’accendersi di qualche bellezza, la previsione delle repulse immancabili lo gelava subitamente. — «Siano queste repulse dettate da un sentimento sincero o siano finte, l’idea di doverle affrontare m’è grave egualmente. Se la donna ch’io sto per sollecitare d’amore mi resiste perchè è veramente fredda, perchè non ama come me, io penso d’avere mal riposto l’amor mio in una creatura insensibile; se, al contrario, la sua resistenza è mentita, io penso che non merita l’amor mio una creatura bugiarda... Certamente gli altri uomini non ragionano così: essi sperano d’infiammare la insensibile e sono certi di confondere la mentitrice; ma, per arrivare a questo risultato, bisogna sopportare le repulse, tornare ad insistere, affrontare nuovi rifiuti, inchinarsi ancora e sempre; e il mestiere del seduttore somiglia allora troppo a quello dei sensali, dei commessi viaggiatori, degli agenti d’assicurazione che voi congedate infastiditi dalle loro offerte, e che tornano nondimeno imperterriti ad annoiarvi. Questo pericolo è immancabile se io sollecito d’amore una donna fredda. Ed io rinunzio alle sollecitazioni perchè temo di riuscire importuno e noioso. Se questa donna non capisce il mio ardore, gli appassionati miei atteggiamenti non le sembreranno, per soprammercato, ridicoli? Ella forse