Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il secolo agonizzante 17

afferma che gli uomini, malvagi naturalmente, vogliono dare a credere di esser divenuti tali per caso.

Senza bussola, intanto, il pensiero umano erra qua e là, secondo che il vento soffia da una parte o dall’altra. Primi fra tutti, il Guizot e Augusto Comte parlano dell’«anarchia intellettuale». Nel giro di poche diecine d’anni l’anarchia diventa una dottrina, i cui apostoli lanciano bombe in mezzo alla folla innocente.

Prima s’innalza la bandiera del comunismo. Il Fourier e il Saint-Simon promettono il paradiso in terra; dànno l’esempio delle chimeriche raffigurazioni dell’umanità futura: l’uomo sarà, dicono, sbarazzato dal dolore e dalla miseria, la sua statura crescerà di sette piedi, ed egli arriverà all’età di 144 anni, «dei quali 120 di esercizio attivo in amore...». Se questo linguaggio è tenuto ai creduli più ignoranti, Augusto Comte, parlando agli spiriti eletti, bandisce, come Gran Pontefice dell’Umanità, il nuovo verbo della Religione dell’Uomo. Il regno dell’uomo è di questa terra. Non bisogna alzare gli occhi troppo in alto: il Pontefice vieta insino lo studio dell’astronomia; consente soltanto che si osservino i moti dei pianeti visibili a occhio nudo... Solo i fatti importano: il positivismo dà lo sgambetto alla metafisica. E lo Schopenhauer è il suo discepolo