Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 il secolo agonizzante

Hartmann passano la spugna sul l’una e sull’altro; dimostrano l’inganno universale; combattono la volontà di vivere e predicono il suicidio cosmico.

Mentre costoro parlano e scrivono, gl’internazionalisti e gli anarchici cominciano ad operare. Che cosa è la patria? Già imperando Napoleone, quando i confini dei popoli si slargano, quando gli eserciti corrono da un capo all’altro del vecchio mondo, lo «spirito europeo» della signora di Staël si sostituisce allo spirito particolare delle varie nazioni; a poco a poco, col vapore e con l’elettricità, che accorciano lo spazio ed il tempo, lo spirito «cosmopolita» si sostituisce all’europeo. Non più patrie, non più società.

Il mondo unificato è felice? Le ineguaglianze sociali sono sparite? La lotta per l’esistenza è divenuta meno feroce? Il positivismo e la democrazia hanno assicurato almeno il benessere materiale? Gli appetiti sono stati eccitati, non appagati. Ed ecco i bombardatori scendere in piazza.


III.


Erano rimaste, in tanto naufragio, alcune tavole di salvezza. Avevamo l’amore. Anche questo ci manca. Noi siamo oggi posti tra i misogini, che seguono il Leopardi e lo Schopenhauer nel loro