Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il secolo agonizzante 19

disprezzo per le donne; e tra i femministi, che lavorano a fare della donna non la compagna, ma la concorrente e la rivale dell’uomo.

E l’arte? Non era l’arte la grande consolatrice? Lo Schopenhauer e il Leopardi, negando tutte le altre cose, non avevano attestato il sovrano potere dell’arte? In arte, oggi, come in politica, non si sa da qual parte rifarsi. Il naturalismo pareva l’ultima parola; ma non appena esso tentò di assodarsi, il simbolismo lo buttò giù; ed ecco che a sua volta il simbolismo boccheggia. «Purificate la vita con la sovrana potenza dell’arte!» dicono gli esteti; Ferdinando Brunetière predica che l’arte è essenzialmente immorale!...

L’artista si sente solo. Singolare ed aristocratico, vive a disagio in mezzo alla società democratica ed uniforme. Si sente da essa odiato come inutile, come superbo; e la disprezza. Pertanto le opere sue non si rivolgono ai più, ma ai pochi iniziati. Il popolo è privato della gioia che l’artista può dare; l’artista è privato del premio che il popolo accorda. Una forma d’arte aveva preso uno sviluppo straordinario, non prima sospettato: la musica. Essa pareva l’arte democratica per eccellenza, l’arte intelligibile a tutti, il linguaggio universale; ma ecco apparire il Wagner, prototipo dei ribelli incompresi. Paragonate il Wagner e lo Schopen-