Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 la poesia di un filosofo



L’Être assiste, éternel, au cours changeant des âges,
Le froid de la raison fait du monde un cristal;
L’homme en est une face où des pâles images
Répètent l’univers sous un angle fatal....


II.

L’opera di Sully Prudhomme non risolve adunque, rispetto alla forma, il dissidio fra scienza ed arte, o lo risolve male. Egli ha voluto dimostrare che la scienza non è fatale all’arte; ma di questa compatibilità l’arte sua fredda, compassata e didascalica ci fa dubitare. Resta da considerare in qual modo egli si diporta nella quistione etica: se l’arte è da lui sacrificata alla scienza, alla stessa scienza non dovrà egli sacrificare la fede?

Questa è infatti la soluzione che troviamo nei Destini. Appena la Terra esce dal Caos, il Male comincia ad operarvi, a ordirvi le sue trame spaventose. Raffinatamente, per nuocer meglio, esso mescola al dolore qualche piacere, che dia di tanto in tanto al genere umano una tregua, dalla quale questo esca fortificato, pronto a sopportare nuovi, maggiori dolori. Ma, nello stesso punto che il Male scendeva in campo, anche il genio del Bene si destava, e contrapponeva l’opera sua a quella del nemico. Creò da prin-