Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la poesia di un filosofo 85

lizia, il canto divino degli uccelli. Quaggiù i gorgheggi dell’usignolo e lo stesso canto della sua compagna gli procuravano, benchè dolcissimi, un indefinibile tormento, un’amarezza secreta; in quel nuovo mondo la soavità dell’armonia è assoluta, la voce dell’amata fa dimenticare all’amante tutto il passato, lo immerge in una beatitudine senza nome, tanto più grande, quanto che Stella, lasciando la forma terrena conservata da principio per poter essere riconosciuta, prende una veste più pura, più bella, più conveniente a quell’eliso. E allora, mentre nuove voci dalla terra chiedono invano aiuto, i due giovani cadono nelle braccia l’uno dell’altra, e la loro felicità non ha più limite.

Ma è un inganno. Passa qualche tempo, e Fausto ci fa sapere che quella felicità non è, come pareva, intera. Egli vive, sì, in un astro più prospero della terra; ma quello che era il maggiore argomento del suo cruccio, quaggiù, sussiste ancora: come sulla terra, egli ignora anche lassù il perchè delle cose; anche lassù, come sulla terra, cerca invano di penetrare, di conoscere le origini e i fini dell’universo. In quel mondo, dove c’è tanta libertà e tanta bellezza, non si sa una sillaba di più di quel che si sapeva sulla terra. Fausto, quando sente rinascere l’antica ansia, non può far altro che dare una ripas-