Pagina:De Sanctis, Francesco – Alessandro Manzoni, 1962 – BEIC 1798377.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

iii. la materia de’ «promessi sposi» 51

in urto contro tutte le forze storiche? Una è la forza che rende interessante Lucia, e rende serio l’antagonismo, crea il dramma. Questa forza è l’ideale.

Ci è un reale e un ideale in antagonismo, l’uno rispondente all’ordine de’ fatti, l’altro all’ordine delle idee; l’uno al mondo com’è, l’altro al mondo come dee essere. E questo intende Manzoni, quando divide con tanta precisione storia e poesia. E questo intendevano pure i suoi contemporanei, ne’ quali nota fondamentale era l’opposizione del reale e dell’ideale. Storia è Carlomagno e Desiderio, il regno della violenza e della scaltrezza; poesia è Adelchi, il regno della verità e della giustizia in contraddizione con quello, e Adelchi è la coscienza di quella contraddizione, e vittima della coscienza. Manzoni era idealista, com’erano tutti in quei tempi di agitazione e ricomposizione sociale. E il problema di tutta la sua vita fu di sviluppare il suo ideale in un mondo storico, dandogli tutte le condizioni di una esistenza positiva, in opposizione agl’ideali troppo nudi alfieriani, e d’accordo con la tendenza generale del nuovo secolo, che ad un idealismo spinto sino al fantastico e al mistico univa uno studio del reale spinto sino alla più scrupolosa esattezza storica. Conciliare queste tendenze, armonizzarle, calare la poesia nella storia, e alzare la storia a poesia, creare tra noi la tragedia storica e il romanzo storico, fare di modo che il lavoro abbia un doppio interesse, un interesse storico e un interesse poetico, un doppio interesse che pur sembri uno, una poesia che abbia tutte le apparenze della storia, e una storia che abbia tutta l’efficacia della poesia, fu il sogno di Manzoni. E giungere così a questo scopo, di divulgare e propagare il suo ideale con la doppia potenza della storia e dell’arte.

Ciò che salvò Manzoni dalle generalità rettoriche d’un apostolato ideale, fu il suo squisito senso del reale sviluppato e fortificato da seni studi storici. Calato con la mente in un dato spazio di tempo e di luogo, vi acquista l’occhio scrupoloso e scrutatore dello storico, sicché quel secolo ti è innanzi non solo nella sua esteriorità più minuta, ma ancora nel suo spirito e ne’ suoi motivi interiori. Non c’era e non ci è ancora in Italia una