Pagina:De Sanctis, Francesco – Giacomo Leopardi, 1961 – BEIC 1800379.djvu/144

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
138 giacomo leopardi
È una forma austera e dotta, che ti abbuia non solo il pensiero, ma l’immagine. E in verità, cosa reca innanzi all’immaginazione «il giorno col divo carro», e «il marte latino», e «il buio polo» e «il femmineo fato»? Innanzi allo stesso poeta non ci era una immagine, c’era una frase. Così di questa canzone non è rimasta viva nelle immaginazioni che Virginia, e si può chiamare la canzone di Virginia.

      L’orizzonte è ancora più nero nella canzone a un vincitore nel gioco del pallone. La patria è morta, e nell’avvenire il poeta non vede la vendetta o il risorgimento, vede l’ultima rovina. L’immaginazione funerea anticipa l’avvenire e se lo reca innanzi co’ colori più densi e più carichi, mescolando insieme in una sola visione rovine e grandezze, e animando le une e le altre, le une come oltraggiassero, e le altre come sentissero l’oltraggio:

    Tempo forse verrà ch’alle rovine
Delle italiche moli
Insultino gli armenti, e che l’aratro
Sentano i Sette colli; e pochi Soli
Forse fien volti, e le città latine
Abiterà la cauta volpe, e l’atro
Bosco mormorerà fra le alte mura.

Fantasia nova dell’umor nero eccitato dalle recenti vergogne della patria, che non lasciano speranza di miglior sorte, e dispongono l’anima al peggio. Sentimento e forma sono qui compenetrati, colpita l’immaginazione da ciò che vi è di colossale in tanto strazio, e che trova la sua espressione nella solennità uguale della forma, di cui ciascuna frase è una punta di coltello: una tragedia che rimane in fondo seppellita sotto il sublime di una impressione unica, e che non ti cava lacrime, ti percuote di stupore, come innanzi alle grandi catastrofi.

È vero che la «matura clade» è evitabile, se il cielo sarà cortese; una cortesia di cielo che dá ben poca speranza, quando gli italiani sono chiamati dal poeta «abbiette genti» e «perverse menti». Sicché la patria è data per morta:

    Alla patria infelice, o buon garzone,
Sopravviver ti doglia.