Pagina:De le lettere.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

oʃtinati ʃaranno, facciano la pruωva del mωdo loro; εt úʃinlo; ε noi uʃeremo il nωʃtro. il quale ci farà al manco queʃta utilità, che dimoʃtrerà la pronuntia, ch’io ʃeguo; perciὼ che in molti vocaboli mi parto da l’uʃo Fiorentino, ε li pronuntio ʃecondo l’uʃo Cortigiano, com’ὲ hωmo dico, ε non huωmo; ωgni, ε non ogni; compωʃto, ε non compoʃto; fωrʃe, ε non forse; hωr, ε non hor; biʃωgna, ε non biʃogna; vergωgna, ε non vergogna; spoʃa, ε non spωʃa; lettera, ε non lεttera; sωgno, ε non sogno; Rεgno, ε non Regno; ʃεnza, ε non ʃanza, εt alcuni altri ʃimili: come ne la nωʃtra Sophonisba ʃi puω vedere. In alcuni altri vocabuli pωi ʃono quaʃi chε trωppo Fiorentino; come ὲ porre dico, ε non pωrre; poʃe, ε non pωʃe; meco, ε non mεco; ε così dico teco, ʃeco, me, te, ʃe; ε non tεco, ʃεco, mε, tε, ʃε; εt anchora leggie, tiεpido, allegro, debile, ʃtεtte, diʃio, ʃicuro, cuωre, εt altri molti ʃimili; come ne la predetta Sophonisba ʃi vede; ne la quale tanto hω imitato il Toʃcano, quanto ch’io mi penʃava dal rεʃto d’Italia poter εʃʃere facilmente inteʃo; ma, dove il Toʃco mi parea far difficultà, l’abandonava, ε mi riduceva al Corti-