Pagina:De le lettere.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giano, ε commune. Il che quanto io habbia ʃaputo fare al giuditio d'altri ʃtarà; io cεrtamente l'hω tentato. ε bεn conoʃco εʃʃere alcuna vωlta trωppo al Fiorentino accoʃtato, come ὲ nel iε diphtonga; la quale ʃεmpre hω ʃcritta per ε grande ʃecondo la pronuntia loro; come viεne, ʃiεde, piεde, ciεlo, piεno, ε ʃimili; il che ne la maggior parte d'Italia non ʃi fa; εt anco apὼ loro non ὲ piεnamente grande, εt apεrta; ma declina vεrʃo la chiuʃa; la cui mediωcrità ʃaperanno ωttimamente tenere i diligεnti. ε parimente ʃi farà ne la pronuntia de lo uω diphtonga; la quale non ὲ grandemente apεrta; εt io pur per l'apεrto l'hω ʃcritta; ʃeguεndo, come hω detto, la pronuntia loro. ε così in alcun'altre cωʃe hω fatto; perciὼ che giudico manco riprenʃibile peccato l'accoʃtarʃi trωppo al Toʃcano, chε'l diʃcoʃtarsi trωppo da eʃʃo. Queʃto adunque, che ὲ detto fin qui, baʃterà quanto a la cognitione de le lettere nuωve, εt a la ragione, εt uʃo di quelle; le quali ʃe ʃaranno approbate, εt accettate da alcuni dωtti, harὼ molto caro; ε ʃe anco averrà, che fiεno da la moltitudine rifiutate, non mi ʃarà di grave nωja; ʃapεndo, che la