Pagina:Deledda - Il nonno, 1908.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10 grazia deledda


pappa, o col formaggio e col miele! E dicevi che volevi restare con me nell’ovile e vigilare la notte contro i ladri!

— Sì, sì, voglio restare con voi, - gridò il bambino. - Ma mi darete il fucile, il coltello, il bastone: ammazzerò tutta la gente cattiva!

— Pochi allora resteranno vivi! - disse il vecchio, rattristandosi.

Di tanto in tanto Nannedda chiamava il bambino nella capanna, facendogli vedere qualche pezzetto di carne o di formaggio fresco.

L’omettino in costume correva dalla donna, ed io lo vedevo mangiare e ascoltare attentamente quanto ella gli diceva. Egli faceva cenno di si, di sì; poi ritornava presso il pastore e ricominciava a chiacchierare. Quando ziu Andria andava a prendere le giovenche dal prato, il bambino gli correva appresso. Il vecchio fingeva di stizzirsi, e gridava:

— Tu mi fai perdere troppo tempo, giovinotto coraggioso! - ma lo prendeva per mano e lo conduceva con sè.

Durante il pranzo il bambino sedette presso il vecchio: e ad un tratto chinò la testina sulla gamba di ziu Andria e si addormentò.

Nonnedda s’alzò, dicendo che voleva portare nella capanna l’omettino addormentato, ma il pastore disse:

— Lascialo qui. non svegliarlo. Quanto è bello!

E ogni tanto, mentre continuava a chiacchierare con la donna e con gli altri pastori, egli