Pagina:Deledda - Il nonno, 1908.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 grazia deledda


— Oh, oh! Ha fatto la domanda, Mialeddu?

— Non l’ha fatta ancora.

— Ebbene, se non l’ha fatta ancora, non affrettarti, Predas A’, perchè egli tarderà a farla.

— Che ne sai tu?

— Ebbene, — disse allora il Sindaco, alzandosi e ripiegando la lettera — voglio dirti una cosa, Matteu Pintò, poichè mi dispiace che i miei compaesani passino per gente stupida: credo che Miale Ghisu non abbia mai guardato Ballora. Voi tutti avete sognato.

— Ma, allora, perchè viene da noi? Perchè s’è fatto mandar via dalla fidanzata? Ha forse paura di noi?

— Io non so nulla — rispose il Sindaco, sollevando le mani come per allontanare da sè ogni responsabilità.

Matteu Pintore stette varî giorni pensieroso e inquieto: infine decise d’interrogare Ballora.

— Sì, è vero, — ella disse con la sua voce languida di convalescente — l’ho guardato io, per la prima: egli non mi guardava...

— Sfacciata, perchè l’hai fatto?

— Non mi sgridate: l’ho fatto per far stizzire il Sindaco, il quale si burlava sempre di me…

— Perchè si burlava sempre di te, quel nibbio senza artigli? Devi subito dirlo, Ballora, altrimenti m’adiro.

Ballora arrossì, ma perchè lo zio non s’adirasse dovette rispondere.

— Egli diceva sempre che io… pensavo a voi...