Pagina:Deledda - Il nonno, 1908.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26 grazia deledda


tesi maliziosi. - Sta molto meglio: è bella e fresca come un flore. Persino il vicario, nel celebrare la messa, si volgeva a guardarla.

Sebiu sospirava.

— Ma sta meglio davvero?

— Ti dico, in mia coscienza, sta benone. Mi ha incaricato di dirti che se tu tardi a ritornare... verrà lei da te!...

Sebiu non credeva a questo scherzo, ma per deferenza al sorvegliante fingeva di stizzirsi e protestava.

— Pottoi vuol venire qui? Che venga pure, se non è contenta del suo malanno. Si buscherà le febbri.

— Ma che febbri, ma che febbri! Se questo è un luogo sanissimo! Con l’aria del mare!...

— Intanto son vari giorni che io mi sento poco bene. Ho il capogiro, ho sonno: la mia testa è diventata un molino.

Il sorvegliante lo guardava, e ammiccava.

— Sai che male è il tuo? È il male dei gatti a primavera. Lascia venir tua moglie!

— Zio Efisè! Non dite questo! - protestò di nuovo Sebiu ma arrossì lievemente.

— Andiamo a tirar fuori i sacchi, - disse l’ometto, avviandosi alla tettoia.

— Due sono nella capanna: mi occorrono perchè la notte ho freddo.

— Tua moglie... potrebbe riscaldarti... - ripeteva il sorvegliante, smuovendo i sacchi.