Pagina:Deledda - Il nonno, 1908.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 grazia deledda


Il finto frate doveva girare per i paesi questuando, truffando la povera gente. Due malfattori più arditi di lui, forse sapendo chi egli era, l’avevano derubato e ferito.

Marianna avrebbe voluto portami via subito il ferito; ma da Sinlscola la vettura postale non partiva che alle tre del pomeriggio. Tanto valeva pasture la notte nella capanna.

Sebiu, dopo aver condotto il cavallo a pascolare fra le macchie, entrò nella capanna e pregò la donna di rimanere. Egli non sapeva precisamente quel che voleva da lei; ma il pensiero che ella dovense andare via subilo, sparire com’era venuta, quasi fantasticamente lo riempiva di tristezza.

— Io lascerò la capanna a vostra disposizione; dovrete considerarvi come in casa vostra. - disse ai suoi ospiti. - Eppoi tu hai bisogno di riposarti, povera donna. Rimani. ti dico!

Ella rimase, tanto più che le emozioni di quelle ultime ore avevano agitato il vecchio: durante la notte la febbre lo riassalì.

Marianna cominciò a disperarsi: aveva paura che suo padre morisse in quel deserto, tanto lontano da casa sua, e che si venisse a conoscere la sua vergognosa avventura. Ella era una donna energica,