Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 268 —


sato? Non puoi lamentarti: egli ha una buona posizione....

— La nostra posizione è precaria. Che avverrà di noi quando saremo vecchi?

— Predu Maria morrà prima di te, perchè è più vecchio, e tu riprenderai marito! Sposerai Bruno.... Ahi!

Sebastiana le stringeva il braccio sino a farle male e gridava:

— Sei pazza? Sei pazza?

Predichedda la guardò e disse col suo accento affettato:

— Come sei rossa, Sebastià! Si direbbe quasi che io abbia indovinato il tuo pensiero....

E si mise a correre attraverso la brughiera, inseguita da Sebastiana che le lanciava addosso sassolini e manate di mirtillo. Finalmente entrambe si fermarono, lontane l’una dall’altra, e cominciarono a raccogliere coccole e bacche.

Alcuni arbusti di corbezzolo eran così carichi di frutti che parevan coperti da drappi rossi: e anche sui ramoscelli del mirto le coccole d’un nero violaceo erano più numerose che le foglie. Un odore aromatico profumava l’aria, e il paesaggio vergine, ricco di frutta selvatiche, circondato da un orizzonte limpido e luminoso, pareva un luogo ove l’uomo con le sue