Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 128 —

andarsene via dal mondo solitaria e sconsolata, in me sopravincevano le ragioni più gagliarde della vita.

Il pensiero di mio marito non mi abbandonava un istante: mi pareva di tradirlo solo col dare ascolto al suono della voce di Gabriele; e nello stesso tempo lo sentivo ridere alle mie spalle, beffandosi di me.

L’infelice riprese:

— Venga qui un giorno che è sola; io la vedrò, poiché vedo tutti i suoi passi. Ma non scelga un giorno di vento, — concluse, quasi scherzando; — anzi, faccia una cosa anche lei: non esca di casa, quando c’è questo demonio divoratore in giro.

Tornò a salutarmi e s’avviò per andarsene: io lo seguii per alcuni passi, poi mi allontanai di traverso, col vento che beveva le lagrime dei miei occhi.