Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 54 —

armai anch’io di una corazza rifulgente di riso.

— Perché ridi? — egli insistè, ma oramai anche i miei fratelli mi aiutavano, col coro delle loro risate; e le parti si capovolsero: il beffato era lui.

Ci guardò uno dopo l’altro, un po’ sorpreso, e credette bene di riprendere il tono famigliare.

— Si potrebbe sapere perché la mia semplice domanda ha destato tanto successo d’ilarità?

Io sento qualche cosa fondersi nel mio cuore; sento di essere entrata anch’io nel cerchio delle sue conoscenze e di poter rivolgermi liberamente a lui. Ho adesso la forza di guardarlo negli occhi senza misteri, di parlargli, di non aver più paura di lui.

— Io non ho mai studiato: non so quasi neppure scrivere e leggere.

Il fatto della mattina mi smentisce: tuttavia egli non ricorda: e questo torna a ferirmi.

— Non sai neppure suonare?