Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 163 —




Tornò indietro, ma gli sembrò di essere in un luogo diverso da quello attraversato poco prima.

Una nebbia improvvisa, tiepida e argentea, lo circondava: pareva che le nuvole si fossero abbassate fino alla terra.

Non vide più neppure la sua casa; solo sentì la sua siepe, cercandola con la mano attraverso la nebbia.

Poi si trovò come sulla sponda di un lago: sulla riva opposta appariva un lume: la finestra di Sarina.

Ed egli attraversò il prato ricordando certe sere della sua adolescenza, in città, quando camminava fra la nebbia, nei grandi viali di circonvallazione, e i fanali gli sembravano astri, e tutto era bello e fantastico, intorno a lui, di una bellezza di sogno, perchè tutto era bello dentro di lui. Anche allora andava verso la vita; allora come adesso; anche adesso si sentiva giovane e con l’anima intatta.

Di nuovo fece il giro della casa, verso la porta della cucina; le ombre erano sparite,