Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 8 —




Ghiana tentava d’introdurre la mano tra le fronde e la rete per aprire di dentro il catenaccio: nel sentire che il padrone veniva, si ritrasse e accomodò subito il vuoto fatto tra le foglie: e quando egli aprì lo guardò rapidamente in viso, coi suoi occhi verdastri, maligni e timidi ad un tempo, per scrutarne l’umore.

L’umore non sembrava troppo cattivo: egli la guardava con sorpresa, nel vederla a quell’ora insolita; con sorpresa e anche con un certo piacere; ma si rifece scuro e severo nell’accorgersi che il viso olivastro e stanco di lei s’illuminava di un rossore di gioia.

Non voleva far piacere a nessuno, lui; e a nessuno concedere famigliarità: per questo appunto salutò la donna con cortese freddezza e dopo averla fatta entrare, la pregò di andare avanti: poi chiuse e la seguì, guardandola alle spalle.

Era una donna ancora giovane, con qualche cosa di animalesco nelle gambe dritte e dure e nei fianchi dondolanti ingrossati